Ekadasi è un giorno sacro che ricorre due volte al mese (l’undicesimo giorno della luna calante e della luna crescente), durante il quale le Scritture raccomandano di astenersi dal mangiare qualsiasi cereale o legume e di minimizzare le cure destinate al corpo, per dedicare più tempo all’ascolto e al canto delle glorie del Signore.

Il Nettare della Devozione – La scienza completa del Bhakti-Yoga – Studio riassuntivo di A.C.Bhaktivedanta Swami Prabhupada del Bhakti-rasāmrta-sindhu di Rūpa Gosvāmī, insegna:

Il digiuno non è fine a se stesso, bensì deve permetterci di accrescere in noi la fede e l’amore per Govinda (Sri Krishna), il vero scopo del digiuno di Ekadasi è quello di ridurre le richieste del corpo per usare il tempo così guadagnato, nel servizio del Signore con il canto delle Sue glorie o con qualsiasi altra attività devozionale.

Ricordare i divertimenti di Govinda e ascoltare costantemente il Suo Santo Nome è la cosa migliore da farsi nei giorni di digiuno.

Lo Srīmad Bhāgavatam (3,27,22) insegna:

I giorni di digiuno sono numerosi. Il termine yogena significa “controllando i sensi e la mente” e indica che occorre essere seriamente assorti nella coscienza del vero sé e inoltre che si deve essere in grado di comprendere la propria posizione naturale, originale ed eterna in rapporto all’Anima Suprema, mediante lo sviluppo della conoscenza. In questo modo si diventa fissi nel servizio di devozione e nessun allettamento della materia può far vacillare la nostra fede.

Lo Srīmad Bhāgavatam (10,82,2) insegna:

Gli astronomi vedici di cinquemila anni fa potevano prevedere il verificarsi di eclissi di sole e di luna proprio come fanno i nostri attuali astronomi, ma la conoscenza di quegli antichi astronomi andava molto più in là, perché essi conoscevano le influenze karmiche ti tali eventi.

Generalmente le eclissi di sole e di luna non sono propizie, con alcune rare eccezioni.

Tuttavia, come il giorno di Ekadasi di solito non propizio, diventa benefico quando è usato per la glorificazione di Sri Hari, così l’eclissi è vantaggiosa per il digiuno e per l’adorazione.

Lo Srīmad Bhāgavatam (11,27,35) insegna:

Ekadasi è un giorno appropriato per compiere una speciale adorazione della Divinità.

Lo Srīmad Bhāgavatam (12,12,60) insegna:

Chi ascolta questo Bhāgavatam il giorno di Ekadasi o di Dvadasi godrà sicuramente di lunga vita e chi lo recita con molta attenzione, digiunando, si purifica da tutte le reazioni colpevoli.