Compiaciuto per la sottomissione e la resa di Sri Bharata, Sri Ramacandra accettò allora il trono dello Stato. Egli Si prese cura dei cittadini proprio come un padre, ed essi, pienamente impegnati nei doveri prescritti nell’ambito dei varna e degli asrama, Lo considerarono veramente un padre.

SPIEGAZIONE

… Si dice talvolta che la gente vuole il regno di dio senza Dio. Tale aspirazione, però, non sarà mai soddisfatta.

Un buon governo può esistere soltanto quando tra i cittadini e lo Stato s’instaura una relazione simile a quella esemplificata qui da Sri Ramacandra e dai Suoi sudditi. Sri Ramacandra governò il Suo regno proprio come un padre si prende cura dei propri figli, e i cittadini riconoscenti per il buon governo di Sri Ramacandra, consideravano il Signore come un padre.

Perciò la relazione tra cittadini e Stato dovrebbe essere simile a quella di un padre con i suoi figli… Il popolo era costituito di buoni cittadini perché accettava l’istituzione dei varna e degli asrama, che organizza la società nelle divisioni di varnabrahmana, ksatriya, vaisya e sudra – e nelle divisioni di asramabrahmacarya, grhastha, vanaprastha e sannyasa.

Questa è vera civiltà umana. La gente deve essere educata sulla base dei differenti doveri prescritti nell’ambito del varnasrama… I quattro varna devono essere stabiliti sulla base delle diverse caratteristiche delle persone e delle loro attività. Il primo criterio per un buon governo è l’istituzione del sistema del varnasrama.

Il varnasrama ha lo scopo di permettere alla gente di diventare cosciente di Dio… Gli uomini dovrebbero essere educati a diventare vaisnava mediante il sistema dei varna e degli asrama, come succedeva durante il regno di Sri Ramacandra, quando tutti erano educati a seguire i principi del varnasrama.

La semplice difesa della legge e dell’ordine non può portare i sudditi all’obbedienza e all’onestà. È impossibile. In tutto il mondo ci sono molte nazioni, consigli legislativi e parlamenti, eppure i cittadini di ogni Stato diventano ladri e malfattori. Non si possono quindi costringere gli uomini a diventare buoni cittadini; è necessaria un’educazione adeguata.

Così come esistono scuole e università per insegnare agli studenti il metodo per diventare ingegneri, chimici, avvocati o specialisti in altri rami del sapere, ci devono essere istituzioni che insegnino alla gente come diventare brahmana, ksatriya, vaisya, sudra, brahmacari, grhastha, vanaprastha e sannyasi.

Questa sarà la condizione preliminare per avere buoni cittadini… Nel kali-yuga, poiché il sistema del varnasrama è trascurato, gli uomini si trasformano in ladri e malfattori. Nei sistemi democratici tali malviventi naturalmente raccolgono denaro da altri malviventi; così in ogni governo regna il caos e nessuno è felice.

Il regno di Sri Ramacandra, invece, ci offre un esempio di buon governo. Se la gente segue questo esempio, ci sarà un buon governo in tutto il mondo.”

(Srimad-Bhagavatam, 9.10.50)