ISKCON


International Society for Krishna Consciousness

Associazione Internazionale per la Coscienza di Krishna


L’ISKCON è un’organizzazione spirituale appartenente all’antica tradizione vaisnava, il ramo principale dell’Induismo, ed è un movimento devozionale monoteista che accetta un Dio Supremo come creatore, sostenitore e protettore di tutto ciò che esiste, animato e non.

L’Associazione si occupa principalmente di diffondere uno stile di vita spirituale basato sugli insegnamenti di Sri Caitanya Mahaprabhu e delle Scritture sacre come la Bhagavad-gita e lo Srimad-Bhagavatam, che trasmettono straordinarie informazioni scientifiche sui diversi rami del sapere, capaci di elevare la comprensione dell’individuo, purificare la coscienza condizionata, risvegliare la natura spirituale e l’amore per Dio, creando così le condizioni necessarie per stabilire nella società unità e pace reali.

Con asrama, fattorie, centri culturali, scuole e ristoranti vegetariani, l’ISKCON opera in tutti i continenti abbracciando diversi ambiti della cultura e della spiritualità.


Sette obiettivi dell’ISKCON

  • Diffondere sistematicamente la conoscenza spirituale in tutta la società ed insegnare a tutti le tecniche della vita spirituale per bilanciare lo scompenso dei valori del mondo attuale e raggiungere una pace e un’unità reali;

  • diffondere la coscienza di Krishna così come viene rivelata dalla Bhagavad-gita e dallo Srimad-Bhagavatam;

  • fare in modo che i membri dell’associazione siano più vicini tra di loro e più vicini a Krishna, l’Essere Supremo, promuovendo così l’idea, tra i membri e il resto dell’umanità, che ogni anima è una particella infinitesimale qualitativamente uguale a Dio (Krishna);

  • insegnare e incoraggiare il movimento del sankirtana, il canto collettivo dei santi nomi di Dio, come rivelato negli insegnamenti di Sri Caitanya Mahaprabhu;

  • costruire per i membri e la società un luogo santo dedicato ai divertimenti e alla personalità di Krishna;

  • unire i membri per insegnare uno stile di vita più semplice e naturale;

  • pubblicare e distribuire periodici, libri e altri scritti per raggiungere gli obiettivi elencati sopra.


Missione dell’ISKCON

Quando A.C. Bhaktivedanta Swami Prabhupada  (1896-1977), fondatore e acarya dell’ISKCON, registrò legalmente l’ISKCON a New York nel 1966, dichiarò che lo scopo primario del Movimento era:

“Diffondere sistematicamente la conoscenza spirituale nella società ed educare tutti nelle tecniche della vita spirituale per controllare lo squilibrio dei valori della vita e raggiungere una vera unità e pace nel mondo.”

A fine di perseguire questa meta, noi membri del Movimento Hare Krishna diamo valore alla carità, alla non-violenza, all’educazione spirituale, al pensiero e all’azione morale, alla devozione e al servizio a Dio;

inoltre valorizziamo qualità quali l’umiltà, la tolleranza, la compassione, la pulizia, il controllo di sé, la semplicità, la determinazione, la  conoscenza, l’onestà e l’integrità personale; rispettiamo il diritto alla vita di tutti gli esseri viventi, siano essi esseri umani, animali, esseri acquatici o piante; consideriamo l’ambiente e le nostre risorse naturali come proprietà di Dio assumendoci la responsabilità di dare loro rispetto e protezione;

riconosciamo che l’istituzione della famiglia rappresenta un elemento essenziale nel mantenimento della stabilità sociale e nella promozione dei valori spirituali; consideriamo che il rispetto verso i genitori, gli insegnanti e i rappresentanti del governo sia importante per mantenere stabile la società;

riteniamo che altri elementi importanti per lo sviluppo di una società sicura e in buona salute siano: rispettare e proteggere gli anziani, le donne, i bambini, gli esseri viventi deboli e dipendenti, le persone dedicate al bene degli altri e al servizio a Dio.

Comprendiamo che molte persone che s’ispirano alla spiritualità, all’altruismo e all’umanitarismo condividono questi principi e valori e per questo rispettiamo ed apprezziamo ogni tradizione o cultura che cerchi di promuovere, mantenere e sviluppare tali qualità e comportamenti.

La missione di Srila Prabhupada è ulteriormente spiegata nel suo pranama-mantra nel quale è dichiarato che egli è venuto per liberare i paesi occidentali dall’empietà. Srila Bhaktivinoda Thakura (1838-1914), illustre acarya vaisnava, spiegò che il nemico è costituito dall’ateismo e non dalle altre religioni: la missione di Srila Prabhupada e della sampradaya (la tradizione religiosa) che egli rappresenta, promuove sia la moralità che le pratiche che servono allo sviluppo della spiritualità individuale e sociale, ma sfida anche i principi e i valori del materialismo.


Dichiarazione dell’ISKCON riguardo la relazione con le persone che hanno fede in Dio

  • L’ISKCON considera l’amore per Dio, la Persona Suprema, la forma più elevata di espressione religiosa; riconosce e rispetta la medesima espressione in altre tradizioni teistiche, oltre alla validità delle vie che portano ad una genuina auto-realizzazione e ad una ricerca della Verità Assoluta nelle quali il concetto di una Divinità Personale non è esplicito; ritiene benefiche per la società anche le comunità e le organizzazioni che difendono i principi umanitari;

  • l’ISKCON considera il dialogo tra i suoi membri e le persone di altre fedi come un’opportunità per ascoltare gli altri, sviluppare comprensione e rispetto reciproci, condividere il proprio impegno e la propria fede, rispettando la fedeltà alla tradizione di ciascuno;

  • l’ISKCON riconosce che nessuna religione detiene il monopolio esclusivo della verità, della rivelazione di Dio o della nostra relazione con Esso;

  • i membri dell’ISKCON sono incoraggiati ad essere rispettosi nei confronti delle persone che hanno fede e che seguono altre tradizioni considerando la necessità di lavorare tutti insieme per il beneficio dell’intera società e per la glorificazione di Dio;

  • l’ISKCON afferma che sviluppare la propria relazione con il Signore Supremo è responsabilità di ciascun individuo.