Adorare il Signore con fede


Il dizionario definisce il termine adorare in due modi:
(a) il sentimento o espressione di reverenza e venerazione verso una divinità;
(b) l’atto o il rito che costituisce un’espressione formale di quella reverenza.

Il termine bhakti significa “amore incondizionato verso l’Essere Supremo e profonda compassione per gli altri”. Questo amore è così completo da ispirare amore non solo verso Dio, ma verso tutti e tutto ciò che è connesso a Lui. In altre parole, la bhakti viene espressa in modo dinamico e pratico attraverso l’amore per Dio, il dimostrarci amorevoli verso gli altri e attenti verso l’ambiente, consapevoli che si tratta di energia sacra di Dio, essenziale per il benessere di ogni forma di vita.

Le cerimonie devozionali sono concepite per portare la nostra attenzione verso la presenza di Dio all’interno e intorno a noi e per infonderci tale spirito. Se viene compresa e svolta in modo appropriato, una tale adorazione lascia impressioni profonde e positive nella mente.
Un rituale ben concepito trasporta il corpo e la mente del praticante attraverso una serie di passaggi che sono allo stesso tempo esteticamente piacevoli e spiritualmente purificanti.

Nella pratica della bhakti tale adorazione viene chiamata puja e generalmente consiste nell’offrire degli oggetti in uno specifico ordine e con specifiche preghiere al destinatario dell’adorazione.

I rituali autenticamente devozionali non si basano sulla superstizione o su sentimenti infondati, la puja è un modo per connettersi alla dimensione trascendente; è uno strumento che possiamo usare per focalizzare la mente nel sincero intento di amare e servire il Divino.

In quanto strumento ci fornisce il linguaggio per aiutarci ad indirizzare i pensieri e coinvolge il nostro corpo nella meditazione, perchè dobbiamo svolgere una serie di azioni.

Nella forma più illuminata, la puja trasforma l’idea di devozione in un atto di devozione.

L’energia spirituale che generiamo durante la puja può estendersi al di là dei limiti di tempo e spazio e trasmettere benedizioni e grazia nel mondo. La puja è una forma di meditazione, un modo per assorbire il corpo, la mente e le parole nella devozione e allinearci col Supremo.

La puja modella la mente in maniera che rifletta la vera natura del sè.

Chi svolge la puja si ritrova a coltivare gratitudine e amore, e un forte desiderio di trasformare la propria vita in un’espressione pienamente spirituale.

(Tratto da: Ritorno all’Anima di Radhanath Swami)